Qlog è il blog di Andrea Zanchetta
dove si parla di web design, grafica e cultura della progettazione.

Attenzione: si possono trovare tracce di riflessioni estemporanee!
Per maggiori informazioni visita www.mynameisq.com

P

Perché imparare il Web Design?

– Dove si parla di web design, corsi di formazione e cultura del digitale –

...e soprattutto, chi dovrebbe studiarlo e cos’è il Web Design? Partendo dalle definizioni, come ho già scritto altrove sul blog, il Web Design è il processo progettuale globale finalizzato alla creazione e gestione di siti internet, un percorso dalla A alla Zeta che non si limita ad un singolo aspetto del sito internet, ma piuttosto guarda all’ecosistema del web in generale.

Allora chi sono le persone che dovrebbero – per esempio – investire del tempo per imparare qualche linguaggio di programmazione di base, saper stendere o giudicare la validità di un layout grafico di un sito oppure ottimizzarne i contenuti per i motori di ricerca?

La mia risposta è: praticamente tutti!
Ecco perché.

Il Web Design è consapevolezza

Internet fa parte del quotidiano di chiunque, sotto la forma di siti web, di email oppure di applicazioni che si appoggiano alla Rete, ma le tecnologie che stanno alla base di questi servizi sono sconosciuti per la maggior parte delle persone.

Come effetto collaterale, non possedendo strumenti per giudicare, le persone tendono a diventare fruitori passivi di ciò che le multinazionali come Google o Facebook ci offrono, senza possibilità di appello perché non si sa nemmeno cosa c’è dietro un certo servizio (o semplicemente perché non si conoscono le alternative).
È un consumismo 2.0 ancora più insidioso di quello tradizionale in quanto ci vede sempre più protagonisti, portavoce e fautori del suo stesso essere.

Spesso si sente dire che la lingua franca ormai comune è l'inglese, ma la verità è che a governare il mondo così come lo conosciamo sono i linguaggi di programmazione, il software, a partire dal proprio computer, per passare per lo smartphone, fino alla lavatrice o al termostato di casa e senza nemmeno voler menzionare l'Internet delle Cose (Internet of Things – IoT).

Conoscere il “dietro le quinte” del Web è un primo passo verso una generazione di persone che costruiscono il proprio futuro invece che accontentarsi di ciò che ci viene propinato.

Il Web Design è un posto di lavoro

Strettamente collegato al tema precedente, non si deve dimenticare che al momento il settore tecnologico e la computer science  – e quindi anche il Web Design – è quello con la richiesta di occupazione più alta rispetto all’offerta. Tradotto: una volta costruita una professionalità in questo campo, è facile che salti fuori un posto di lavoro che fa per te!

Se fossi uno studente mi guarderei bene questo grafico e ci farei su un pensierino…

Fonte: Hour of Code, iniziativa globale di promozione dell'informatica e della computer science che si tiene ogni anno a dicembre.

Il Web Design è redditizio

Alcune categorie professionali, collocandosi in una posizione tangente alla creazione di siti internet, si possono avvantaggiare delle competenze di Web Design.
Penso a chi ha sempre fatto progetto grafico tradizionale ma non ha particolari skills in termini di siti internet, agli architetti e ai designers, ai giornalisti che lavorano attraverso il web, ai content manager di siti di ogni genere e livello, in pratica chiunque abbia a che fare con la comunicazione, l’informazione e la promozione che passa principalmente per il web.

Questi professionisti si possono avvantaggiare direttamente della competenza di Web Design perché così imparerebbero i funzionamenti e i meccanismi che governano il supporto digitale con cui hanno a che fare quotidianamente.

Per esempio, il solo fatto di gestire i contenuti di un sito senza conoscere come essi saranno interpretati dai motori di ricerca, o quali sono le tecnologie in gioco, rappresenta un forte limite e rischia persino di tradursi in un lavoro inutile (se non controproducente).

Da dove iniziare per imparare il Web Design

Se si vuole iniziare a imparare qualcosa di Web Design, un buon punto di partenza è la Rete stessa.

Esistono molti e ben realizzati corsi online che toccano ogni singolo aspetto della realizzazione di un sito internet (per trovarli sarà sufficiente una googlata).
Il loro vantaggio principale è che sono molto dettagliati e spesso gratuiti.
Il lato negativo è che non analizzano mai il processo di progettazione in termini più globali, il che coincide con l’idea stessa di Web Design. Inoltre molte volte vengono date per scontate informazioni di base che per un principiante assoluto possono rappresentare l’ostacolo maggiore da superare.
Mi spiego con un esempio: un conto è sapere maneggiare un po' di HTML (cosa buona senza dubbio), ma totalmente diverso è realizzare un sito internet con un capo e una coda (cosa decisamente più complessa e interessante).
Imparare a scrivere del codice è positivo e necessario, ma l'aspetto importante è che cosa ci si fa con tali competenze.

Proprio per questi motivi ho pensato di organizzare un corso di Web Design intitolato – senza troppa fantasia – “Introduzione al Web Design”.
Si tratta di un corso base, aperto a tutti, che tocca ogni aspetto della realizzazione di un sito internet. Si parte da zero e si parla di comunicazione, web marketing, software per scrivere codice, HTML, CSS, un pizzico di Javascript, Search Engine Optimization e altro ancora…

Se vuoi saperne ancora di più sul Web Design,  leggi qui i dettagli sul corso e iscriviti con il form online.

libri che un designer non può perdere

Torna all'indice del blog
Licenza Creative Commons

Qlog di Andrea Zanchetta è distribuito con Licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.